Modernismo e scisma teologico nella Chiesa di Cristo

Modernismo e scisma teologico nella Chiesa di Cristo

Modernismo e scisma teologico nella Chiesa di Cristo.

http://www.flickr.com/photos/jhwh/

Tutta la storia della chiesa è disseminata di eresie, ma quella di questi giorni sembra proprio una definitiva capitolazione, poiché gli eretici hanno a loro disposizione la più imponente struttura ideologica, mediatica e finanziaria che l'umanità abbia mai potuto concepire, cioè il fondo monetario internazionale che si alimenta del signoraggio bancario e che ha come esecutori materiali la massoneria, (ecc..., ecc..., poiché l'elenco è lunghissimo) che già controlla tutti i nuclei vitali di quasi tutti gli Stati del mondo, come ora si crede già convinta di controllare anche la Chiesa.

L'attacco che ora Satana stà portando alla Chiesa di Cristo è sicuramente l'attacco più insidioso dal suo sorgere, sia nella sua componente interna che in quella esterna, proprio perché all'apparenza tutto senbra tranquillo e i fedeli non sospettano niente.

Nel 1980 avevo 20 anni e incredibilmente per tutti, come per me stesso, entrai nel Seminario Teologico Interregionale “Pio XI” di Molfetta, con grande entusiasmo per quella che per me fino a pochi giorni prima era una vocazione impensabile e indesiderabile.

La vocazione al sacerdozio – dicevo all'epoca – non riuscendo a distinguere il sacerdozio dal presbiterato. http://xoomer.alice.it/signoraggio.spa/

Immediatamente in tutta la comunità dei giovani teologi di Molfetta, divenni famoso per il mio estro e perché mi dichiaravo ammiratore di Padre Pio e degli angeli, ma ben presto mi resi conto che entrambi venivano svalutati e addirittura riguardo agli angeli molti compagni ne negavano l'esistenza.

Rimasi interdetto veramente, quando con una rapida inchiesta tra i miei docenti di teologia (tutti preti) appresi e proprio per loro pubblica dichiarazione in classe risultò che, solo una metà di essi credeva negli angeli e di conseguenza nei demoni.

Certo, allora non potevo sapere di modernismo e l'ambiente alquanto ovattato del seminario teologico non faceva trasparire quelle interne lacerazioni e incongruenze che già allora esistevano, facendoci vedere la Chiesa come una torre, sicura e forte contro tutti gli attacchi dell'errore.

Ma quel bubbone, da me visto nel 1980 non è stato curato adeguatamente dalla gerarchia ecclesiastica e ora quella ferita è divenuta una metastasi mortale, una cancrena, e questo proprio per fare un favore ai laicisti, ai massoni e ai satanisti del fondo monetario internazionale.

La QUESTIONE è ORMAI arrivata ad un bivio certamente, se DUE CALIBRI del peso specifico di P. Giovanni Cavalcoli, OP e Mons. Nicola Giordano si esprimono nei termini che seguiranno sul bimestrale VIVERE IN di Maggio/Giugno 3/2008 anno XXXVI, certamente essi non sono stati meno diretti e meno espliciti di me.

L'editoriale apre eloquentemente con l'articolo: “Quale nome dare agli stolti?” ... Ottimo principio è quello della libertà, ma pessimo principio è quello dell'autoarchia quando la libertà non va vissuta e compresa con sapienza(p.3).

In “lettere al direttore” P. Giovanni Cavalcoli ringrazia il direttore Mons. Nicola Giordano di ospitare spesso il pensiero metafisico di Maritain, di cui lui P. Giovanni Cavalcoli è estimatore. Ma chi è P. Cavalcoli? Egli ha avuto incarichi in Segreteria di Stato ed è attualmente docente di Filosofia e Teologia nella Facoltà Teologica dell'Emilia Romagna, ed è Postulatore nella causa di Beatificazione del Servo di Dio Padre Tomas Tyn (p.5).

Questo teologo esprime con “rammarico e sconcerto” (quando un teologo a quei livelli usa questi termini vuol dire che siamo alla spugna) le sue constatazioni di “gravi, diffuse e numeroseDEVIAZIONI DOTTRINALI, che si vanno diffondendo dai vescovi ai fedeli, dai pastori ai teologi, senza che l'autorità prenda provvedimenti, se non altro tesi a confutare efficacemente gli errori. http://auriti.blogspot.com

Come a dire che la sede di Pietro è gestita da un inetto e che il Vaticano è completamente paralizzato, nel timore dello scandalo o dello scisma, non si rimuovono le erbe infestanti, insomma la “vigna” del Signore rimane improduttiva e incomincia a dare frutti velenosi, tutto giace non solo in uno stato di desolazione, ma addirittura di rapido deterioramento di giorno in giorno.

I termini usati da questi due teologi non sono ambigui e non lasciano altre conclusioni che quelle da me espresse. Giudicate ora da voi:

“Molti nella base, si mostrano fedeli al Papa e al deposito della fede e mostrano il coraggio di dichiararsi apertamente cattolici, un acume e tempestività che si vorrebbero presenti nelle Autorità, le quali invece non intervengono e, come direbbe S. Caterina da Siena, sembrano “dormire” (perché? Per paura? Per opportunismo? Per ignoranza? Per prudenza?).

Il Card. Caraffa a proposito dell'attuale eresia del modernismo trattata dal P. Giovanni Cavalcoli, in un suo libro gli scrisse: “Problema bruciante, ma totalmente messo a tacere”.

E allora, vorrei dire, cari Vescovi, che cosa aspettate ad intervenire?”

http://ilcomandamento.blospot.com

Un difetto dei tradizionalisti è una certa tendenza a prendersela col Concilio, al quale vorrebbero far risalire le cause della crisi attuale, nonostante i Papi da quarant'anni insistano nel dire e nello spiegare che il neomodernismo non nasce dal Concilio, ma da una sua falsa interpretazione e da una sua strumentalizzazione di esso.

Quello però – bisogna dirlo – che rende meno persuasive queste loro parole è il fatto che poi in pratica lasciano fare ai modernisti (rahneriani ) i quali occupano molti posti di potere nei media, nei ministeri e uffici ecclesiastici, negli istituti accademici ed educativi e cosa ancora ancor più conturbante - tra le fila stesse dell'episcopato... nessuno agisce e la scusa spesso addotta è quella di non provocare uno SCISMA, che comunque già esiste da tempo.

Proprio per rimediare a tale scisma, sarebbe meglio invece, a parer mio, “mettere le carte in tavola” e far chiarezza non importano le conseguenze.

Certo Gesù ha pagato il suo far chiarezza col salire in Croce. Ma allora siamo pastori che vogliono imitare il buon Pastore?

In questo mio lavoro trovo conforto sia dal Padre Tyn che si riteneva un tradizionalista che da Maritain che invece si ritenera “progressivo”, ma entrambi erano in perfetta comunione con la Chiesa. (p.5)

Il Direttore Mons. Nicola Giordano rincara la dose rispondendogli:

Concordo con lei che occorre mettere le carte in tavola – per chiarirsi e chiarire principi ed idee.... ma la difficoltà diventa insormontabile quando qualcuno da il suo nome alla Verità.

Il soggettivo assoluto non favorisce l'incontro con Colui che è il vero “IO” assoluto. (Nicola Giordano p.5)

Ma da questo peccato di ingenuità, cioè dal pensare che i figli delle tenebre possano usare gli stessi mezzi dei figli della luce, il direttore di “Vivere In” rimedia subito a (p.6) con un articolo sui “I MOSTRI NON DIALOGANO” riguardante la pedagogia educativa infantile: “La Sapienza fattasi carne condannò aspramente coloro che scandalizzano i piccoli. Il terrore vissuto e respinto da un bambino è la prova maggiore della insopportabilità degli odi che serpeggiano tra i grandi” --- Vogliamo vederci delle allusioni? Io voglio vedere in questo articolo la risposta alla sua stessa affermazione “giochiamo a carte scoperte”, poiché Mons. Giordano sa molto bene che non si può chiedere a un figlio delle tenebre di usare gli strumenti dei figli della luce.

Comunque a (p.8) Padre Giovanni Cavalcioli ci dona un estratto del suo libro, nella rubrica attualità

Che cos'è il modernismo?

Già, che cos'è il modernismo?

http://web.tiscali.it/martiri/

Sono sicuro che adesso, siete molto curiosi di saperne di più!

Così, per la gloria di Dio mi sobbarco quest'altra fatica, inoltre questo argomento che solo in apparenza sembra non appartenere al sistema del signoraggio bancario!

http://immagini-parlanti.blogspot.com/

Il modernismo nato all'interno della Chiesa verso la fine dell'Ottocento, cadde nell'eresia a causa di uno sbagliato confronto con la modernità, che lo portò ad assorbire i suoi errori.

Questi furono infallibilmente tutti condannati nella Enciclica di San Pio X “Pascendi Dominci Grecis”, nella quale il Santo Pontefice definì il modernismo come la “somma di tutte le eresie”.

AFFRONTARE CRITICAMENTE IL PENSIERO MODERNO

... il termine “modernisti” non lo aveva inventato il Papa, ma se lo erano assegnati, gli stessi modernisti dando ad esso evidentemente un significato positivo. E del resto non era tutto sbagliato nel loro programma, anzi esso conteneva la giusta istanza, che sarebbe poi stata raccolta del Concilio Vaticano II, di affrontare criticamente il pensiero moderno assumendo di esso quando poteva e doveva essere integrato nella visione cristiana dell'esistenza e della vita.

Data la difficoltà e l'enormità dell'impresa e l'inadeguatezza del criterio di discernimento usato, essa in gran parte non riuscì e finì per contaminare il cristianesimo con gli errori della modernità (relativismo, pensiero debole, nichilismo, anarchia, ipocrisia, massoneria e signoraggio bancario), molti dei quali del resto non sono altro che la ripresa di antichi errori filosofici e teologici.

http://jhwhinri.blogspot.com/

LE POSIZIONI DEI PAPI

I modernisti non si riconobbero nella descrizione fatta dal Papa Pio X e perciò non accettarono le sue tesi e le sue critiche. In effetti Pio X non prese in considerazine quanto di valido poteva esserci nel fenomeno modernistico ed intervenne con molta severità facendo proibire pubblicazioni, destituire dall'incarico insegnanti, controllare minuziosamente la condotta del corpo docente, sollecitando i vescovi ad intervenire, promuovendo una pubblicistica fortemente critica contro i modernisti, fino alla pubblicazione del famoso “Giuramento anti modernistaSacrosantum Concilium del 1908.

I modernisti non furono nell'insieme persuasi del loro errore, ma tacquero per non essere colpiti dai provvedimenti canonici e disciplinari. Si parlò così di “vittoria sul modernismo” e difatti il clima generale della cultura teologica cattolica tornò nell'insieme nell'ortodossia; risorse quell'amore per il pensiero tomistico, che era già stato promosso da Papa Leone XIII alla fine dell'Ottocento.

Anche Pio XII intervenne duramente senza fare attenzione alla parte di verità.

Si giunse così al Vaticano II, che finalmente dette soddisfazione a quanto di valido poteva esserci nelle richieste dei modernisti.

MODERNISMO E POSTCONCILIO

Ma in maniera ancora più virulenta sono ritornati i suoi errori. I modernisti sotto Pio X erano stati confinati nell'ambito del clero, come il pontefice fu di fatto isolato dalla gran parte dall'episcopato.

Ma la situazione si è aggravata in questi decenni del postconcilio, come è dimostrato dal Catechismo Olandese o dagli echi dell'enciclica Humane Vitae di Paolo VI o la vicenda della “teologia della liberazione” o la tutt'ora mancata condanna del rahnerismo, che è di fatto modernismo raffinato e più insidioso.

Una voce autorevole e profetica fu quella dell'insospettabile Jacques Maritain, amico indiscusso del papato, quanto avversato da ambienti ecclesiastici del periodo fascista, perseguitato dai nazisti, egli fu ingiustamente accusato di neo modernismo sulla civiltà cattolica degli anni sessanta, accostato ingiustamente a Rahner dal card. Siri.

Come è noto, il Maritain, nel suo libro Le Paysan de la Garonne, nel quale indicava la vera interpretazione del Concilio prevedendone anche le strumentalizzazioni che ne avrebbero fatto i modernisti, ebbe a dire coraggiosamente che il modernismo che si andava profinado si poteva considerare come una “polmonite” a confronto del “raffreddore” costituito dal modernismo degli anni di Pio X.

Oggi questa è la situazione, la Chiesa è pervasa da due correnti, una faceva e fa capo a Ratzinger; l'altra di tendenza cripto modernista è guidata da Rahner e Schillebeeckx.

Il Cardinale Ratzinger con acutezza dichiarò la questione e criticò il rahnerismo nel suo libro Les principes de la Theologie catholique, edito in Francia nel 1982.

Nacque così un progressismo ortodosso, in continuità con la tradizione e i Concilii precedenti, mentre la corrente deviata iniziò a mostrare il suo volto anticattolico.

Contestualmente sogeva un “tradizionalismo” anticonciliare, il quale accusava falsamente il Concilio di aver mutato l'essenza della Chiesa e di essere sceso a patti col “mondo moderno”.

IL PARTITO RAHNERIANO – SCILLEBEXIANO

ha rafforzato in questi ultimi decenni le sue posizioni conquistando posti dirigenziali ed autorevoli all'interno della Chiesa, non esclusi ambienti della stessa gerarchia.

  • Inascoltati sono stati in questi anni gli avvertimenti di numerosi e seri e ortodossi studiosi, i quali del neomodernismo mettevano in evidenza il RELATIVISMO, EVOLUZIONISMO e SOGGETTIVISMO GNOSEOLOGICI e MORALI nel campo della ragione e della fede (dogma), FIDEISMO PROTESTANTE,

  • DISPREZZO della METAFISICA e della TEOLOGIA NATURALE

  • sostituite con lo STORICISMO e il FENOMENISMO,

  • concetto della PERSONA non come SOSTANZA (BOEZIO), ma come “AUTOCOSCIENZA e LIBERTà”;

  • CONCEZIONE IMMANENTISTICA della GRAZIA;

  • FALSA MISTICA AGNOSTICA, anticoncettuale e antitematica;

  • INDIFFERENTISMO RELIGIOSO;

  • DISPREZZO per l'ASCETISMO MORALE e SPIRITUALE;

  • METODO STORICO CRITICO RAZIONALISTA e SCETTICO nell'ESEGESI BIBLICA e negli STUDI STORICI;

  • NATURALISMO; ANARCHISMO; SECOLARISMO nell'ambito della DOTTRINA SOCIALE; DISPREZZO per il MAGISTERO della CHIESA e per la SACRA TRADIZIONE; PROFANAZIONE DELL'EUCARISTIA.

IL MODERNISMO OGGI



I termini modernismo ed eresia oggi sono considerati come dei tabù, ma ai termini veri bisogna avere il coraggio di fare riferimento. Il modernismo è una eresia!

Non si tratta di legittime opinioni, ma di essere fuori della verità di Fede.



QUANDO IL PROGRESSO DIVENTA AFFOSSAMENTO ALLORA è FALSO

Tuttavia ha ragione il Maritain nel dire che nell'insieme il modernismo odierno è più grave, in quanto se il modernismo di Pio X era caratterizzato da un inquinamento del cattolicesimo soltanto da una parte degli errori provenienti dall'antropocentrismo europeo nato dal rinascimento e dal protestantesimo, proseguendo nell'illuminismo e sfociato nell'Idealismo tedesco, il modernismo odierno ha aggiunto influssi provenienti anche da altri orizzonti, come per esempio la tradizione materialistica, le mistiche e le filosofie orientali, musulmane e kabalistiche, lo gnosticismo, le mitologie e superstizioni pagane antiche e moderne europee ed extraeuropee (le correnti psicoanalitiche e l'odio folle di Nietsche).

Così è a partire dalla prima metà del Novecento si è tentato di costruire un mondo fondato esclusivamente sull'uomo e sui suoi istinti (ateismi e totalitarismi, dai lagher ai gulak, ecc...) o sull'uomo che si fa Dio o panteismo, cioè la tragedia dei totaliritarismi di destra da Nietzsche a Hegel.

FOCOLAI DI INCENERIMENTO

FOCOLAI DI INCENERIMENTO

http://ilmegliodelbene.blogspot.com/

Il “postmoderno” sembra essere caratterizzato da un aumento dello scetticismo e del relativismo, fino a giungere al nichilismo, da una progettualità episodica e provvisoria, da un pensiero non più totalizzante e sistematico, ma tentennante e parcellizato

  1. il pensiero debole”-,

  2. non più il concetto ma la metafora;

  3. riabilitazione della mistica ma di tipo razionalistico e agnostico;

  4. un pruralismo elefantico e caotico,

  5. una diminuzione delle certezze e un aumento del dubbio,

  6. la sostituzione dell'ironia alla serietà.

Cioè, l'uomo non vuol tornare a Dio, ma continua a centrarsi su se stesso, nonostante tutte le sconfitte e le tragedie apocalittiche del secolo scorso.

L'Europa ha perso le sue radici cristiane, e il “postmoderno” non le sta recuperando.

Il neomodernismo tenta di dissolvere il cristianesimo dall'interno svuotandolo della sua forza soprannaturale e lasciando pressoché intatte le strutture interne ed esterne visibili, onde ingannare gli ingenui e dando loro l'impressione che tutto vada bene ed anzi meglio di prima (in realtà il papato sta pagando la sua viltà, si trova sempre più isolato e circondato da nemici, sempre più le strutture del Vaticano cadono in mano a vescovi, cardinali e teologi di siffatta eresia) e (funzionali alla ideologia bancaria della grande usura mondiale).

Ma in realtà i modernisti, con il pretesto del “dialogo”, dell'ecumenismo e del pluralismo e della libertà, stanno tentando di ridurre la Chiesa ad una fraternità di tipo meramente umano e politico, ad una semplice comunità umana tra le altre, il cristianesimo ridotto al motto “giustizia e pace” - da sottoporre insieme con le altre a un potere cultural - politico - massonico internazionale sovrareligioso e su base gnostica o meramente razionale scientifica, potere del quale i modernisti sono la longa manus di occulti rappresentanti insieme con la massoneria e l'ebraismo anticristiano internazionali (testuali parole non mie).

L'islamismo è una forza a parte, ma si deve dire che la riduzione modernistica del cristianesimo da religione soprannaturale a religione naturale fa esattamente il gioco dell'islam.

La negazione scillebexiana della divinità di Cristo è fatta ad arte per accontentare Maometto e non solo Maometto.

Su questo punto il laicismo illuminista e il fondamentalismo islamico vanno a braccetto.

CHE COSA FARE

http://fedele.altervista.org/

Occorre una purificazione interiore della Chiesa, tale che essa possa liberarsi dal modernismo per attuare veramente le direttive del Vaticano II. Siamo invasi dalla nebbia: occorre che risplenda il sole. Bisogna che la Gerarchia, anche essa purificata al suo interno, con un gesto supremo di coraggio, condanni chiaramente, motivatamente e nominativamente gli errori e i loro autori, senza temere reazioni da parte loro: ne va del bene della Chiesa e delle anime.

Non ci si deve lasciare impressionare dallo spauracchio della SCISMA: tanto c'è già.

Cristo non ha coperto il suo dissenso con i farisei e i dottori della legge. È meglio mettere le carte in tavola. Inoltre, per curare una malattia, bisogna metterla bene in evidenza.

Minimizzare, nascondere, far finta di niente, parlare sotto voce non serve a niente. Non basta proporre una sana dottrina (o ammazzarsi di lavoro e girare il mondo come Giov. Paolo II, così stava il più lontano possibile dalla Curia e magari non l'avvelenavano non si sa mai e finché non si fa una autopsia a vari istituti clinici diversi il dubbio sul compianto Giovanni Paolo I rimarrà sempre, anche considerando i tempi che corrono), se non si correggono anche gli errori, così come non è sufficiente ad un medico insegnare metodi salutistici se non cura le malattie.

Oggi l'operazione è fallimentare perché non si ascolta la Fides et Ratio, su criteri ispirti al pensiero dell'Aquinate ed allo stesso Magistero della Chiesa, ma si preferisce pascere altrove, a tutte fonti avvelenate dall'odio a Dio come Hume, Kant, Schelling, Heghel, Heidegger, Husserl, (per finire all'odio luciferino di Nietzshe che ti fa venire uno sputo solo a pronunciarlo).

http://www.flickr.com/photos/jhwh/

Inutile e dannoso un apparato esterno grandioso, regolare e fiorente, se all'interno c'è il marcio e la corruzione. “Meglio una cattedrale annerita che un sepolcro imbiancato. Meglio essere che apparire” come disse Maritain e a cui chissà perchè insieme a Pio XII non è possibile avviare un processo di canonizzazione, come se la Chiesa dovesse piegarsi al consenso e alle calunnie del mondo.

LA CHIAREZZA E LA COERENZA COME VIE DI PROGRESSO

I Pastori devono avere il coraggio di opporsi con chiarezza e precisione ai nemici interni, così come Gesù stesso, che non si oppose ai romani e ai pagani, ma ai soli sommi sacerdoti, scribi e farisei. Lo so che è doloroso, ma va fatto!

Infatti, la corruzione morale non è altro che la messa in pratica dell'errore speculativo e dell'eresia. Le cattive idee portano alle cattive azioni. È assurdo quindi predicare la verità morale e non condannare l'eresia che ne sta alla base. In tal senso bisogna che i pastori ritornino a parlare di eresia, e non lasciare il monopolio di questo delicatissimo tema ai lefevriani.

È necessario che i vescovi tornino ad avere maggiore coscienza del loro grave e insostituibile ruolo di Maestri della Fede:

  1. senza coprirsi di complicità con il loro silenzio che altro non è che complicità con l'eresia;

  2. senza intimidirsi per la loro arroganza e per quanto possano essere colti o titolati o onorati;

  3. senza tollerare il magistero parallelo dei modernisti;

  4. senza temere di rimanere isolato, neppure tra i confratelli dell'Episcopato, poiché è in gioco il destino dell'umanità che è strettamente unito al destino della Chiesa;

  5. senza dimenticare che solo loro hanno la pienezza del Sacerdzio di Cristo e di conseguenza tutta la responsabilità di quello che avviene nel loro governo;

  6. senza dimenticare che non possono farsi scudo dei loro collaboratori, ma che devono saperli sostituire senza scrupoli, poiché sono loro che risponderanno duramente di ogni anima perduta.

http://ilmegliodelbene.blogspot.com/

QUESTA VIGILANZA I VESCOVI DEVONO AVERLA AD INCOMINCIARE DAI SEMINARI: se non si corregge la pianticella, poi da albero adulto l'operazione potrebbe essere impossibile e dolorosa.

Occorre recuperare il discernimento spirituale e dottrinale, sostenere il magistero del Papa e dei suoi predecessori, rimanere fedeli alla tradizione.

La Congregazione per la dottrina della Fede dovrebbe informare periodicamente i fedeli circa gli errori in circolazione, e la loro opportuna confutazione.

IL DISCERNIMENTO è MOLTO FACILE è SUFFICINTE CONFRONTARE OGNI INSEGNAMENTO CON IL CATECHISMO UFFICIALE DELLA CHIESA CATTOLICA.

I MODERNISTI, NELLA LORO SUPERBIA, DISPREZZANO IL CATECHISMO: MA STA PROPRIO Quì LA LUCE CHE SVELA LE LORO IMPOSTURE.

http://corpodicristo.blogspot.com/

Il momento è talmente difficile che sembra umanamente insolubile.

Per questo occorre confidare sull'assistenza dello Spirito Santo e alla intercessione della Beata Vergine Maria, compiere ogni giorno con coraggio e determinazione il proprio dovere (Giovanni Cavalcoli) e “incominciare a serrare le fila, pronti se necessario allo scisma che il Papa comunque non potrà evitare, ma che con il suo temporeggiare sta addirittura rendendo più drammatico” (Lorenzo Scarola)

LETTERA APERTA dell'accolito, dell'IdR e dell'animatore RnS: prof. Lorenzo Scarola a Sua SANTITà BENEDETTO XVII

La Santità Vostra pensa forse che se un GIGANTE della storia, ovvero il Vostro predecessore, l'amato Giovanni Paolo II non ha affrontato e anzi ha lasciati insoluti molti problemi, Ella sia meno autorevole di Lui ad affrontarli e a risolverli?

Ma se pensa, alla maniera umana, si sta sbagliando. Perché ogni uomo è sempre nulla in quanto uomo davanti a Dio, che ama usare invece gli uomini piccoli e i gli strumenti più umili per le imprese più grandi!

L'orgoglio di sentirsi importanti lo lasciamo ai modernisti, ma noi non dobbiamo svalutare le nostre responsabilità e le nostre funzioni, ne abbandonarci a una condizione fideistica nella speranza che le circostanza possano normalizzarsi da sole.

Santità, l'ora è urgente e i pericoli per la Chiesa e quindi per l'intero genero umano non sono mai stati a valori così alti ed ogni indecisione o ulteriore esitazione sarebbe un atto di alto tradimento al Cristo, un atto di irresponsabilità storica insanabile!

Se il buon Pietro Molinari, grida che Ella è l'Anticristo (magari lo fosse, perché allora vorrebbe dire che siamo salvi), io pur mi trovo in difficoltà a rispondergli perché la Chiesa che lei rappresenta nasconde il crimine del modernismo e quello non meno grave del signoraggio bancario.

Quando può essere complice e oltre misura oltraggiosa la copertura massonica del più turpe segreto e del più grande crimine della storia dell'umanità, verso tutti i popoli, cioè del signoraggio bancario?

Se continuerà il Suo silenzio, certamente Ella passerà per il precursore dell'Anticristo!

Chi meglio della Chiesa Cattolica può stampare gratuitamente il SIMEC come moneta locale e l'AURO come moneta internazionale e donarli gratuitamente ai popoli?

Se la Chiesa facesse questo, sarebbe l'atto più straodinario di evangelizzazione e il cristianesimo si espanderebbe incontrastato in tutto il mondo e fino agli estremi confini della terra.

Gli uomini benedirebbero Dio e la Chiesa per essere stati liberati da tali criminali e da tali strozzini internazionali, o si dovrà dire che anche la Chiesa di Cristo trovava il suo posto alla mangiatoia del sangue dei popoli?

Sono proprio queste due condizioni che pongono il difficoltà la mia onestà, priva di ogni infingimento di fronte al signor Pietro Molinari, che mi ha telefonato e che da me si attende delle risposte.

Certo, davanti agli occhi della pubblica opinione la Chiesa è continuamente sottoposta a critiche ingiuste quando esagerate, complice una aggressione potentissima, pretestuosa e mediatica che non ha precedenti.

La Chiesa, nonostante tutti i suoi grandi meriti, pertanto si vede sminuita e distorta, ovvero ingigantita risulta ogni contraddizione e sminuito ogni merito.

L'ateismo è l'indifferentismo dei nostri giorni è di natura spietata perchè è il frutto di una pornografia e di un pervertimento giusticato e nobilitato, la situazione è sempre più disatrosa anche economicamete poiché i più portano doppiamente il marchio della schiavitù, sia quella del mutuo bancario che si va ad aggiunge a quella del signoraggio bancario.

La conseguenza di tutto ciò e della atuale congiuntura storica è che coloro che si allontanano dalla “barca di Pietro” poi non vi faranno più ritorno (diversamente da come avveniva in passato), sostanzialmente sono definitivamente perduti per Dio!

Ancora maggiori frustrazioni attendono i buoni Parroci e Pastori se Ella continuerà a tergiversare!

http://tutelasovranit.blogspot.com/

A nome di Dio: poiché il Suo Santo Spirito me ne da l'ardire e il diritto e il dovere posso dirLe:

1- Se scisma ci sarà, sarà il minore dei mali!

2- Se scisma ci sarà non avrà successo, poiché se ancora per poco, tuttavia la base cattolica è sana insieme ai suoi presbiteri, e questo è proprio un miracolo, infatti conservano ancora il dogma della fede nonostante il Net Work massonico e la terribile congiuntura politica ed economica;

3- Il progetto degli illuminati ha avuto successo, occupando ogni spazio sincretico possibile attraverso la New Age, i culti orientali ecc.. pertanto i modernisti non hanno spazio di religiosità!

4- Paradossalmente, le loro armi sono proprio la loro debolezza, infatti i più non ci stanno neanche a pensare, hanno liquidato la presenza di Dio e conseguentemente anche la nostra presenza. Sono semplicemente indifferenti o presi da un furore laicistico negano la possibilità di espressione a chiunque dimostri di avere una fede: ovvero siamo passati dall'insulto all'indifferenza! L'argomento religione non è un argomento che in Occidente troverà un vero incendio!

5- l'attacco degli illuminati o ebrei marrani, autentici satanisti è determinato contro ogni realtà e ogni termine che inizi per “crist****” infatti, il loro attacco non è direttamente religioso, perchè Le concedono una fetta mediatica, ma è un attacco sistematico ed assolutamente radicale riguardo alla CIVILTÀ CRISTIANA, patrimonio della identità laica e culturale di TUTTI gli europei. Con furore violento attaccano la civiltà cristiana che ogni ateo di buon senso dovrebbe invece difendere con il suo sangue se è vero che è responsabile dei suoi figli. Come non vedere che dove ci sono i diritti dell'uomo e la democrazia, c'è anche il cristianesimo e che questi sono solo emanazioni di quello?

La DISTRUZIONE, il furore devastante anticristiano è TROPPO PROFONDO ed è IRREVERSIBILE, quale è l'utile di stare ANCORA in DIALOGO con i BANCHIERI INTERNAZIONALI e la massoneria e i modernisti che in fondo sono tutti una razza ideologica?

I benefici sono solo apparenti, materiali e i conti per le anime non tornano!

La storia è fatta dagli uomini e i giudizi non possono essere semplicistici e netti, ma se ella non interviene passerà alla storia come un inetto, come un uomo piccolo in tutti i sensi, come il precursore dell'anticristo e questo malgrado la rua rettitune.

Insieme a Santa Caterina da Siena in maniera spicciola posso dirLe:

Sia uomo e si comporti come tale!”

Suo in Cristo Lorenzo Scarola

http://it.truveo.com/salmo-99-vs-signoraggio-bancario/id/32489467

[Il presente articolo è vincolato nello stato in cui si trova e non sintetizzabile o riducibile, l'originale è stato depositato e ogni suo passaggio è stato seguito da testimoni, ogni testata giornalistica e non può riprodurlo nello stato integrale in cui si trova. 3205708054 ore serali – fedele339@gmail.com]





venerdì 7 novembre 2008

cantico 2: deuteronomio 32,1-12

videodeuteronomio 32,1-12

Deuteronomio - Capitolo 32 CANTICO DI MOSE'

[1] "Ascoltate, o cieli: io voglio parlare:
oda la terra le parole della mia bocca!
[2] Stilli come pioggia la mia dottrina,
scenda come rugiada il mio dire;
come scroscio sull'erba del prato,
come spruzzo sugli steli di grano.
[3] Voglio proclamare il nome del Signore:
date gloria al nostro Dio!
[4] Egli è la Roccia; perfetta è l'opera sua;
tutte le sue vie sono giustizia;
è un Dio verace e senza malizia;
Egli è giusto e retto.
[5] Peccarono contro di lui i figli degeneri,
generazione tortuosa e perversa.
[6] Così ripaghi il Signore,
o popolo stolto e insipiente?
Non è lui il padre che ti ha creato,
che ti ha fatto e ti ha costituito?
[7] Ricorda i giorni del tempo antico,
medita gli anni lontani.
Interroga tuo padre e te lo farà sapere,
i tuoi vecchi e te lo diranno.
[8] Quando l'Altissimo divideva i popoli,
quando disperdeva i figli dell'uomo,
egli stabilì i confini delle genti
secondo il numero degli Israeliti.
[9] Perché porzione del Signore è il suo popolo,
Giacobbe è sua eredità.

[10] Egli lo trovò in terra deserta,
in una landa di ululati solitari.
Lo circondò, lo allevò,
lo custodì come pupilla del suo occhio.
[11] Come un'aquila che veglia la sua nidiata,
che vola sopra i suoi nati,
egli spiegò le ali e lo prese,
lo sollevò sulle sue ali,
[12] Il Signore lo guidò da solo,
non c'era con lui alcun dio straniero.
[13] Lo fece montare sulle alture della terra
e lo nutrì con i prodotti della campagna;
gli fece succhiare miele dalla rupe
e olio dai ciottoli della roccia;
[14] crema di mucca e latte di pecora
insieme con grasso di agnelli,
arieti di Basan e capri,
fior di farina di frumento
e sangue di uva, che bevevi spumeggiante.

[15] Giacobbe ha mangiato e si è saziato,
- sì, ti sei ingrassato, impinguato, rimpinzato -
e ha respinto il Dio che lo aveva fatto,
ha disprezzato la Roccia, sua salvezza.
[16] Lo hanno fatto ingelosire con dei stranieri
e provocato con abomini all'ira.
[17] Hanno sacrificato a demoni che non sono Dio,
a divinità che non conoscevano,
novità, venute da poco,
che i vostri padri non avevano temuto.
[18] La Roccia, che ti ha generato, tu hai trascurato;
hai dimenticato il Dio che ti ha procreato!
[19] Ma il Signore ha visto e ha disdegnato
con ira i suoi figli e le sue figlie.
[20] Ha detto: Io nasconderò loro il mio volto:
vedrò quale sarà la loro fine.
Sono una generazione perfida,
sono figli infedeli.
[21] Mi resero geloso con ciò che non è Dio,
mi irritarono con i loro idoli vani;
io li renderò gelosi con uno che non è popolo,
li irriterò con una nazione stolta.
[22] Un fuoco si è acceso nella mia collera
e brucerà fino nella profondità degl'inferi;
divorerà la terra e il suo prodotto
e incendierà le radici dei monti.
[23] Accumulerò sopra di loro i malanni;
le mie frecce esaurirò contro di loro.
[24] Saranno estenuati dalla fame,
divorati dalla febbre e da peste dolorosa.
Il dente delle belve manderò contro di essi,
con il veleno dei rettili che strisciano nella polvere.
[25] Di fuori la spada li priverà dei figli,
dentro le case li ucciderà lo spavento.
Periranno insieme il giovane e la vergine,
il lattante e l'uomo canuto.

[26] Io ho detto: Li voglio disperdere,
cancellarne tra gli uomini il ricordo!
[27] se non temessi l'arroganza del nemico,
l'abbaglio dei loro avversari;
non dicano: La nostra mano ha vinto,
non è il Signore che ha operato tutto questo!
[28] Sono un popolo insensato
e in essi non c'è intelligenza:
[29] se fossero saggi, capirebbero,
rifletterebbero sulla loro fine:
[30] Come può un uomo solo inseguirne mille
o due soli metterne in fuga diecimila?
Non è forse perché la loro Roccia li ha venduti,
il Signore li ha consegnati?

[31] Perché la loro roccia non è come la nostra
e i nostri nemici ne sono testimoni.
[32] La loro vite è dal ceppo di Sòdoma,
dalle piantagioni di Gomorra.
La loro uva è velenosa,
ha grappoli amari.
[33] Tossico di serpenti è il loro vino,
micidiale veleno di vipere.
[34] Non è questo nascosto presso di me,
sigillato nei miei forzieri?
[35] Mia sarà la vendetta e il castigo,
quando vacillerà il loro piede!
Sì, vicino è il giorno della loro rovina
e il loro destino si affretta a venire.

[36] Perché il Signore farà giustizia al suo popolo
e dei suoi servi avrà compassione;
quando vedrà che ogni forza è svanita
e non è rimasto né schiavo, né libero.
[37] Allora dirà: Dove sono i loro dei,
la roccia in cui cercavano rifugio;
[38] quelli che mangiavano il grasso dei loro sacrifici,
che bevevano il vino delle loro libazioni?
Sorgano ora e vi soccorrano,
siano il riparo per voi!
[39] Ora vedete che io, io lo sono
e nessun altro è dio accanto a me.
Sono io che dò la morte e faccio vivere;
io percuoto e io guarisco
e nessuno può liberare dalla mia mano.

[40] Alzo la mano verso il cielo
e dico: Per la mia vita, per sempre:
[41] quando avrò affilato la folgore della mia spada
e la mia mano inizierà il giudizio,
farò vendetta dei miei avversari,
ripagherò i miei nemici.
[42] Inebrierò di sangue le mie frecce,
si pascerà di carne la mia spada,
del sangue dei cadaveri e dei prigionieri,
delle teste dei condottieri nemici!

[43] Esultate, o nazioni, per il suo popolo,
perché Egli vendicherà il sangue dei suoi servi;
volgerà la vendetta contro i suoi avversari
e purificherà la sua terra e il suo popolo".

[44] Mosè venne con Giosuè, figlio di Nun, e pronunziò agli orecchi del popolo tutte le parole di questo canto.

La legge, fonte di vita

[45] Quando Mosè ebbe finito di pronunziare tutte queste parole davanti a tutto Israele, disse loro: [46] "Ponete nella vostra mente tutte le parole che io oggi uso come testimonianza contro di voi. Le prescriverete ai vostri figli, perché cerchino di eseguire tutte le parole di questa legge. [47] Essa infatti non è una parola senza valore per voi; anzi è la vostra vita; per questa parola passerete lunghi giorni sulla terra di cui state per prendere possesso, passando il Giordano".
Lorenzo Scarola,
ore serali 3205708054
lorenzo.scarola@istruzione.it

http://deiverbumdei.blogspot.com

http://www.youtube.com/lorenzojhwh

http://www.youtube.com/humanumgenus
INCONTRO MONDIALE E INTERCONFESSIONALE DI PREGHIERA PERPETUA FINO ALLA FINE DEL MONDO

CONCLUDENDO: OGNI LUNEDÌ DALLE 20,00 alle 21,00, SPIRITUALMENTE NEL CUORE DI DIO, CI INCONTREREMO NELLA PREGHIERA E IO, SERVITORE DI JHWH, SARÒ PRESENTE IN QUESTO MOMENTO DI PREGHIERA, FINO ALLA FINE DEL MONDO! Poiché LA PREGHIERA IN ACCORDO SECONDO LE INTENZIONI DI DIO È UNA PRGHIERA DINAMICA, SI OTTERRANNO MOLTI MIRACOLI E MOLTA CONSOLAZIONE E PROTEZIONE.

<<<<<<<<<<<<<<>>>>>>>>>>>>>>

Hello. You appear to be good and spiritual person.

I agree with you when you say that youtube is a place where children can be corrupted.

There is far too much violence, nudity, crime, etc. easily accessible to our children.

I don't approve either.

Hopefully, youtube will one day, very soon, read their own subscriber agreement and follow it themselves, by deleting everyone that has violated it.

Between television, radio and the computer, kids are being taught the wrong way.

I wish only good to you.

Thank you for your message.

Have a great night. God Bless, Charlene

------------------------------

http://it.youtube.com/watch?v=pkdo-qsKmCo

Questo cartone animato “incriminato” è molto efficace ed è stato preparato dagli stessi Testimoni di Geova per esplicitare il loro credo: http://it.youtube.com/watch?v=pkdo-qsKmCo

Ovvero:

    1-*** Gesù in realtà non è ne uomo e ne Dio, in quanto è l'Arcangelo Michele che si è incarnato;

    2-*** Nel giorno di Armaghedon lo stesso, salverà i soli Testimoni di Geova Fedeli e poi distruggerà tutto il resto, inesorabilmente i BUONI non hanno speranza.

Ovvero, si dimostra inequivocabilmente, che il loro dio è:

  • - stupido e cattivo.

    Chi di voi sapeva che Gesù, per loro è l'Arcangelo Michele?

    Ditelo a lorenzo scarola:

    lorenzo.scarola@istruzione.it

Per concludere:

Dio è Buono e tutto ciò che è Buono può venire solo da Dio, per questo nessuno può e deve dire: “se non appartieni alla mia religione, non ti potrai salvare”.

Infatti, gli angeli a Betlemme cantavano: "Gloria a Dio nell'alto dei cieli e pace in terra (a tutti) gli uomini di buona volontà".

Questo vuol dire ovviamente che tutti gli uomini che hanno lottato e sofferto per realizzare il bene e che, hanno generosamente lavorato per una migliore società, Dio non potrà respingerli nel giorno del giudizio. Altrimenti dovrebbe respingere se stesso.

Per concludere, e non voglio essere frainteso, Dio vuole da me tre cose principali:

  • 1- l'abbattimento di questo criminale sistema del signoraggio bancario;

  • 2- la liberazione della Chiesa dal modernismo;

  • 3- la costruzione del terzo Tempio Ebraico a Gerusalemme (casa di tutti i popoli).

<<<<<<<<<<<<<<>>>>>>>>>>>>>>

Un mio collaboratore, mi ha detto:

“Perché, se tu fossi in autorità salveresti la vita agli illuminati e ai satanisti che si sono macchiati di crimini inimmaginabili?”

Nel dirmi questo, io sentivo la sua rabbia sorgere a ondate.

Gli ho detto, salverei la loro vita per due motivi:

1- “Dio, non vuole la morte del peccatore, ma che si converta e viva!”

2- Sta per scendere di nuovo l'Angelo sterminatore sulla terra d'Egitto e saranno pochi quelli che si salveranno, ho visto uomini morire come mosche! La mano di Dio si sta rendendo pesante su di loro poiché sono molto al di la delle leggi e della giustizia degli uomini.

A tutti gli ebrei che mi leggono: “per quanto ancora volete passare dalla guerra agli attentati e dagli attentati alla guerra? Voi avete costruito la nazione senza costruire il Tempio? Allora, non avete alcun diritto giuridico di abitare quella terra.

Se voi venite meno alle promesse di Abramo e di Mosè, allora ve ne dovete andare o con le buone o con le cattive. Poiché è inconcepibile giuridicamente un Israele laicista!

E poi, cosa vi conviene di più costruire il Tempio a JHWH o affrontare una nuova guerra?


Website Counter
Scrivimi a: lorenzo.scarola@istruzione.it



http://pensiero-e-azione.blogspot.com/
http://ilcomandamento.blogspot.com
http://jhwhinri.blogspot.com/
http://lorenzoscarola.blogspot.com
(concetti di metafisica laica ed universale per un nuovo progetto culturale)
http://simec-aurito.blogspot.com
http://immagini-parlanti.blogspot.com
http://auriti.blogspot.com
http://satanici.blogspot.com
http://tutelasovranit.blogspot.com/

Carissimo, Nobilissimo, Chiarissimo, Gentilissimo e Umilissimo Santo Padre

San Benedetto ti sta indicando la strada che devi seguire per ottenere la vittoria.

Spiegazione delle iniziali presenti sulla Medaglia di San Benedetto:

  1. S. P. B.
    Crux Sancti Patris Benedecti
    Croce del Santo Padre Benedetto
    C. S. S. M. L.
    Crux Sacra Sit Mihi Lux
    Croce sacra sii la mia Luce
    N. D. S. M. D.
    Non draco sit mihi dux
    Che il dragone non sia il mio duce
    V. R. S.
    Vadre Retro satana
    Allontanati satana!
    N. S. M. V.
    Non Suade Mihi Vana
    Non mi persuaderai di cose vane
    S. M. Q. L.
    Sunt Mala Quae Libas
    Ciò che mi offri è cattivo
    I.V. B.
    Ipsa Venena Bibas
    Bevi tu stesso i tuoi veleni



ESORCISMO:

(Al segno + ci si fa il segno della croce)

+ In nomine Patris, et Filii et Spiritui Sancto

Croce del Santo Padre Benedetto. Croce Santa sii la mia Luce e non sia mai il dragone mio duce. Va indietro satana! Non mi persuaderai di cose vane. Sono mali le cose che mi offri, bevi tu stesso il tuo veleno. Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo +. Amen!


in the next 12 hours anyone who reads this exorcism St. Benedict, of the fifth century
prayer: "CSPBCSSMLNDSMDVRSNSMVSMQLIVBpax"
receives the release but who will be punished rebellion a
nd remove from your youtube videos not suitable for children who are here. In the name of Jesus I order every spirit: jealousy deceit family perversion depression prostitution illness deaf mute fear antichrist pride slavery blindness: go!

terror takes possession of the sons of darkness, on youtube


COLLIGITE FRAGMENTA (Gv 6,12)

la povertà e gli avanzi di Cristo sono sovrabbondanza assoluta riguardo al mondo!

Questo è il migliore augurio che la Puglia fa a Sua Santità Benedetto XVI, insieme ai suoi pastori e al popolo cristiano tutto.

Tutta la Puglia al completo e con i suoi vessilli si schiera con Sua Santità Benedetto XVI e stringe al suo nobile cuore paterno. L'Arcivescovo Metropolita Mons. Francesco Cacucci di Bari-Bitonto: “Pro ovibus suis” è un'altra icona, insieme a Sua Santità dell'immagine del Buon Pastore.

Infatti, il Vescovo è divorato dallo zelo per il Signore e per la sua casa ed è animato da un amore per Dio e per il suo popolo che non conosce mezze misure (sine modo) e consiste:

1- pascere Christum,

2- in Christo,

3- cum Christo,

4- praeter Christum sibi non pascere.

(Mons. Vito Angiuli Provicario generale dell'Archidiocesi di Bari – Bitonto e mio amico)

*** Don Giovanni D'ercole

Carissimi amici, in tante occasioni Benedetto XVI ci ha chiesto di pregare per lui, affinché svolga al meglio la sua Missione e affinché non fugga davanti ai lupi.
È venuto il momento di stargli vicino con tutto il nostro cuore...

Benedetto XVI hai tutto il nostro amore. I lupi potranno ringhiare, ma non appena sorge l'ombra del VINCASTRO del Buon Pastore, si daranno alla fuga! FORZA BENEDETTO XVI

Modernismo

Un bambino di 8 anni con in mano il catechismo di S.Pio X, può far zittire un teologo o un vescovo modernisti!

Il modernismo è un'eresia già condannata e che vede l'applicazione delle mode scientifiche e dei suoi metodi applicati alla teologia e questo ovviamente porta all'ateismo e allo scetticismo, freddezza, aridità, cinismo, indurimento e poi... dannazione.

Questa eresia ha conquistato larghi settori del pensiero teologico contemporaneo e si sta insinuando subdolamente nei più alti livelli della gerarchia cattolica, tanto che il Santo Padre ha espresso pubblicamente un grido di dolore!

Con la scusa del Concilio Vaticano II (pastorale), si vuol mettere a tacere l'autorità di tutti i concili precedenti (dogmatici).

Ma tutti i concili dogmatici sono per natura intrinseca superiori al concilio pastorale che non ha preteso di prendere in riferimento un approfondimento della dottrina e che mai, comunque, nessun concilio potrebbe più negare!

Nietzsche fobico di odio verso Cristo è divenuto il criterio di discernimento delle scritture, per questi teologi(tanti) e vescovi (pochi) ormai segnati dal marchio di satana.

Satanismo

Il pastore evangelico Benny Hinn, mi ha detto che negli USA, mentre hanno fatto fuori la religione dalle scuole si tengono seminari satanici nelle scuole superiori a favore della stregoneria e della magia, così pericolosamente in basso è scesa la mia società americana: “tutto questo non ha senso!”

<<<<<<<<<<<<<<<>>>>>>>>>>>>>><

Oggi attorno alla famiglia e alla vita si svolge la lotta fondamentale della dignita' dell'uomo.

(Papa Giovanni Paolo II a Rio de Janeiro il 3.10.1997 in preparazione al II incontro mondiale delle famiglie).

Referendum legge 40 - Family day. Questo e' il vero volto dell'Italia!



il vero volto dell'istituzione
Il signoraggio bancario è il nostro
più alto simbolo istituzionale!
Questo rappresenta una turpe e occulta rapina della nostra sovranità, della nostra libertà e della nostra dignità.
Questo è il VERO motivo di tutti i MALI che affliggono la nostra falsa democrazia.




P. Pio dice: "Quanti disgraziati nostri fratelli non corrispondono all'amore di Gesù col buttarsi a braccia aperte nell'infame setta della massoneria!"




IBAN:IT33E0358901600010570347584 (non deducibili)

senz'altro - jhwhinri@gmail.com
ti risponderà!

Postepay:
4023-6004-5553-6625(non detraibili)